Diluvio universale, mito universale

Jan Brueghel il Vecchio, L'entrata degli animali nell'arca di Noè, 1613
Il Diluvio universale è sicuramente un mito ... universale, poiché lo ritroviamo in Europa, Asia, Africa e nelle Americhe. Tutte le teogonie di questi luoghi raccontano come un giorno le acque inondarono il mondo eliminando ogni traccia vivente, o quasi. Nella Bibbia si salvò la famiglia di Noè (con i figli Sem, Cam e Iafet) e coppie appartenenti a diverse specie animali. Il Dio della Bibbia, come il Dio di molti altri testi sacri, pentito della sua creazione, decide di distruggerla come un artista si disfa di una sua opera mal riuscita. Il mal riuscito di Dio è, generalmente, l'uomo.
Nel 1872 George Smith scoprì che in un frammento della tavoletta XI dell’ Epopea di Gilgamesh, c’erano chiari riferimenti al diluvio e questo è, al momento, il primo Diluvio di cui si abbia testimonianza.
Nel brano in questione si legge di Utanapishtim, il Noè dell’Epopea, che racconta a Gilgamesh la storia del diluvio:
Una cosa nascosta, Gilgamesh, ti voglio rivelare, e il segreto degli dei ti voglio manifestare. Shuruppak – una città che tu conosci, che sorge sulle rive dell’Eufrate – questa città era già vecchia e gli dei abitavano in essa. Bramò il cuore dei grandi dei di mandare il diluvio. Prestarono il giuramento il loro padre An, Enlil, l’eroe, che li consiglia, Ninurta, il loro maggiordomo, Ennugi, il loro controllore di canali; Ninshiku-Ea aveva giurato con loro.
Utanapishtim, protagonista del Diluvio dell'Epopea
In Grecia troviamo Deucalione, figlio di Prometeo. Quando Zeus pensò di eliminare la stirpe di bronzo, Deucalione, fabbricò un'arca, vi pose delle provviste e si imbarcò insieme alla moglie Pirra. Fu allora che Zeus rovesciò dal cielo una pioggia torrenziale sommergendo la maggior parte Zeus rovesciò dal cielo una pioggia torrenziale sommergendo la maggior parte dell'Ellade: tutti gli esseri umani morirono, tranne pochi che trovarono rifugio sugli alti monti vicini. Per nove giorni e nove notti Deucalione è trascinato sul mare dentro l’arca, poi approda al Parnaso e qui, poiché le piogge erano cessate, sbarca e offre sacrifici a Zeus Fixio. Zeus gli manda Ermes, invitandolo a scegliere ciò che desidera. Deucalione sceglie di far nascere da lui una generazione di uomini. Zeus allora gli disse di raccogliere delle pietre e gettarle sopra la testa: Deucalione lo fece, e dalle pietre che scagliò lui stesso nacquero uomini, da quelle che scagliò Pirra nacquero donne. […] "

Deucalione e Pirra,  1635  Il Raffaellino (Giovanni Maria Bottala)
Ci sono anche casi in cui a salvarsi non furono moglie e  marito, come per esempio, nel Vietnam, dove trovarono scampo dalle acque del diluvio solo un fratello e una sorella. Essi si trovavano all’interno di una cassa di legno (o forse una zucca) nella quale c’erano una coppia di ogni specie animale.

In India, Manu, il primo uomo, mentre stava pescando, si trovò fra le mani un pesciolino che in realtà non era altri che il dio Vishnu. Il pesciolino disse a Manu che l’avrebbe potuto aiutare se lui l’avesse aiutato. Manu chiese allora che cosa avrebbe dovuto fare per salvarlo. Il pesciolino gli disse che presto sarebbe arrivato un diluvio, quindi gli chiese di costruire una grande nave e metterlo in un barattolino per salvarlo. Manu fece quello che il pesciolino gli aveva chiesto. Quando giunse il diluvio, il pesciolino divenne enorme e dotato di un grande corno sulla fronte. Vishnu allora pose la nave sul corno e salvò così l’umanità ponendo l’imbarcazione sulle alte montagne del Nord, ovvero l’Himalaya.
Il pesce salva la nave di Manu dal diluvio

6 commenti:

  1. Un particolare interessante dal punto di vista del simbolismo è che la forma dell'arca, sicuramente nel mito sumerico ma credo anche in altri, è quella di un cubo perfetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente nella Bibbia la costruzione dell'arca risponde a delle misure ben precise e dettagliate, sembra la costruzione di un qualcosa che già esiste, niente è casuale, quindi è simbolico. Sull'arca tornerò prossimamente (in senso figurato, intendo ;) )

      Elimina
  2. Davvero affascinanti tutte queste analogie tra culture così diametralmente diverse....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un argomento entusiasmante, ma per il momento, mi sono soffermata sull'iconografia, ma ci ritornerò :)

      Elimina
  3. La cosa veramente stupefacente è che gli archeologi scavando diverse città in rovina sul mar Rosso, ma anche in posti lontani su altri continenti hanno realmente rinvenuto tracce di antiche inondazioni probabilmente dovute a forti piogge, quindi molto probabilmente è avvenuto davvero un fenomeno come il Diluvio (più o meno ) universale, un fenomeno talmente distruttivo da essere rimasto nella memoria eidetica di quasi tutta l'umanità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente anche gli assestamenti della Terra, tra terremoti e maremoti hanno creato, in varie parti del mondo, anche in fasi successive, delle vere inondazioni. Dal cielo e dal profondo della terra sono sempre giunte le tragedie e i grandi miti che spigano questi sconvolgimenti. :)

      Elimina