E te sei in crisi?

Il mondo del lavoro è in crisi, i pensionati in crisi, i giovani sono in crisi; così come è in crisi l’Europa ed altrettanto l’America, le destre e le sinistre sono in crisi ma, soprattutto NOI BLOGGER siamo in crisi.
Abbiamo aperto blog sapendo che non avremmo avuto da questi un ritorno economico, quindi è certo che non siamo delusi dal fattore economico; non speravamo nemmeno di avere dei lettori, siamo partiti da un numero di lettori pari a 0 e quindi possiamo dire di essere cresciuti tutti da questo punto di vista.
E allora perché siamo in crisi?
Siamo circondati da negozi che abbassano le saracinesche per non alzarle più; da imprese che chiudono, disoccupati che aumentano, disoccupati che non cercano nemmeno più il lavoro.
Tutto chiude e allora chiudiamo anche noi, è un’influenza, un’epidemia o forse un meccanismo di imitazione, un tarlo che ci entra dentro ci dice “così fan tutti”.
Dicembre poi è il mese dei conti e di conseguenza, delle chiusure, ne sanno qualcosa i commercialisti: mai intaccare il nuovo anno fiscale (solare andava bene nella cultura bucolica!).
Diminuiscono le entrate e i blogger hanno la conferma dell’entrata di meno commenti, meno contatti. Aumentano però i social network; mi ricordo che fino a un 10 anni fa la domanda che ricorreva tra i giovani (anche non giovanissimi) era: “quale locale frequenti?”, “il giovedì sera è meglio l’altro locale?”; ora sento chiedere: “sei su pinterest?, il tuo profilo Fb? E Google+? e su Instagram ti ci trovo?" No, non mi ci trovi, mi trovi qui, sempre in modo precario, come dovunque.

10 commenti:

  1. Be' Marcella, io ho appena aperto da due settimane il mio nuovo blog. Quindi in questo momento guardo al futuro. Naturalmente sei la benvenuta a venirmi a trovare: http://www.ivanolandi.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E devi mantenere l'entusiasmo!! Passerò senz'altro, anzi, estendo l'invito a visitare il tuo nuovo blog a tutti i lettori che passeranno da qui :)

      Elimina
    2. Grazie mille Marcella, tra l'altro anche tu sei già citata nel mio blog in uno dei primissimi post. E in ogni caso avevo anche intenzione di aggiungerti al blogroll. Anche tu mi raccomando, non mollare!

      Elimina
  2. All'inizio ero preoccupata. Pensavo davvero che tu volessi chiudere il blog. Poi alla fine mi è sembrato di scorgere comunque una voglia di restare nonostante tutto.
    Anch'io ho notato un drastico calo nelle visualizzazioni però continuo. A volte non ho proprio voglia di scrivere però poi lascio passare quel momento e infine scrivo.
    Ognuno è libero di fare ciò che desidera, ma ti posso assicurare che se chiudi i blog beh... Blogger perde tanto. Te lo posso garantire.

    RispondiElimina
  3. Grazie AlmaCattleya, vedo che siamo nella stessa situazione. La scrittura è imprevedibile, magari si rallenta ma si continua, spero!

    RispondiElimina
  4. Sai che ho chiuso e riaperto il blog un paio di vvolte in passato per lo stesso motivo. I commenti e le visite sono in diminuzione un po dovunque, l' unico modo secondo me è continuare a divertirsi e provare a scrivere post non per dovere ma quando va di farlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ben detto! Quando va di farlo, pensando all'entusiasmo degli inizi :)

      Elimina
  5. Se chiude un blog insignificante nessuno ne sentirà la mancanza, ma se chiude invece un blog che esprime una voce comunque interessante come la tua, ci si accorgerebbe, ne sono sicura. Capita a tutti di rallentare in certi periodi. E poi sotto le feste diminuiscono un po' sia commenti che visite: sembra fisiologico. Comunque la tua voce è originale, dunque esprimiti e non lasciare mai che i momenti meno luminosi abbiano la meglio. Ciao! L.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Lucia, i tuoi commenti mi trasmettono sempre entusiasmo :)

      Elimina
    2. Prego! Mi fa sempre piacere trasmettere positività alle persone! Buon lavoro! L.

      Elimina