22 novembre 2013

La Sacra Famiglia. Il Silenzio



Qual è il rumore della sabbia che scende nella clessidra? Quella clessidra che sta in basso a destra nel dipinto non ha un suono, ossia lo ha, ma è impossibile sentirlo perché la sabbia è sottile e perché è chiusa nell'ampolla. Deve essere vista scendere, non si deve sentire o ascoltare. Il  silenzio è nel titolo di questo quadro: La Sacra Famiglia, il Silenzio opera di Marcello Venusti per molti anni ritenuta opera di Michelangelo di cui Venusti fu allievo e collaboratore. Silenzio che viene dal respiro di Gesù addormentato, un respiro innocente, tranquillo e inconsapevole; il silenzio di Giuseppe che sembra voler bloccare il rumore del suo respiro mettendosi una mano sulla bocca; l'angioletto che con l'indice sembra invitare al silenzio. E poi c'è Maria. Maria, supponiamo, ha finito di leggere ad alta voce ed ora anche lei è in silenzio, sembra una normalissima mamma che ha appena terminato di leggere una fiaba al figlioletto e adesso i suoi gesti diventano aerei: il libro viene portato sulla panca con gesto ampio, forse con il libro ha sorvolato il corpo del figlio, in quel libro Sacro c'è la vita narrata dell'Uomo di Dio, sorvolandolo lascia un'impronta sul piccolo come per ricordare il motivo della sua esistenza, del disegno di Dio. Il lenzuolo piegato sotto le gambe del bambino sembra essere lì per essere steso e diventare la futura sindone. E il quadro somiglia sempre di più ad una Pietà, dove il figlio di 33 anni, terminata la sabbia nella clessidra, giace senza vita tra le braccia di Maria, nel silenzio della morte, senza più nemmeno quel respiro impercettibile.

4 commenti:

  1. Ecco, devo dire che nell'ultima parte mi hai quasi letto nel pensiero. Stavo osservando il dipinto, che tra l'altro non conoscevo, e ho notato subito qualcosa di strano: la posizione del bambino è innaturale, perlomeno secondo il canone di raffigurazione della Sacra Famiglia. Di solito infatti il Bambino è sveglissimo, prega o fa un gesto significativo con la mano, oppure guarda la madre con cui si scambia delle occhiate di affetto. Molto più raro è trovarlo addormentato, ma qui addirittura è 'abbandonato' senza nemmeno una posa che ne attesti comunque la presenza spirituale, la 'veglia' anche a dispetto del sonno. Qui invece niente: il corpo è completamente privo di 'scintilla', sembra quasi inanimato, quasi morto. Perché in effetti hai ragione tu: il dipinto allude alla morte del Cristo - la clessidra - e più precisamente alla Pietà. Il silenzio dei personaggi, quindi, ha un significato più profondo di quanto sembri a prima vista, ed è proprio quello che hai messo in luce. Molto bella la Madonna, anche, molto 'realistica' e spontanea, anche il colore della veste è particolare, ricorda alcune tinte manieriste. Il personaggio di Giuseppe, poi, mi ricorda alcune figure olandesi, così come l'attenzione per i sottili dettagli espressivi che va a forzare la compostezza classica di tutto l'insieme. Ottima scelta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io ho scoperto quest'opera di recente ma mi ha subito colpito, sia per la situazione familiare (sembra una mamma che ha appena letto una fiaba) ma allo stesso tempo intensa, di profonda meditazione e di dolore annunciato. Grazie mille, i tuoi commenti sono sempre uno spunto di riflessione in più.

      Elimina
  2. Mi mancavano le tue recensioni artistiche. Mi fa piacere sapere che stai tornando alla grande!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti piacciono le mie recensioni "fantasiose"? Vedrai, cercherò di non lasciarti più senza, ora poi che apprezzi il mio nuovo avatar ...chissà perchè?! :)

      Elimina