Curriculum vitae, storia di Lucio Lieto (parte n° 9)

Ho deciso di essere qui anche stasera, questo sabato sera, ancora una volta con il solo scopo di capire se vi sopporto ancora. Qui a mangiare questa pizza e a bere una birra, alla fine saprò se vi sopporto ancora. Deciderò cosa fare, se andarmene, se non frequentarvi più, dovrò decidere qualcosa. Forse ho già deciso.
Incontro persone, stringo mani, do e prendo baci di circostanza, vi guardo mangiare e raccontare, sentirvi dire che è finalmente arrivata la primavera – e perché mai non sarebbe dovuta arrivare? -.  
La mia pizza Margherita con la mozzarella che fluttua, il basilico si è scurito come il mio volto. Quello che nella comitiva mi sta più antipatico prende sempre la 4 stagioni, per me sarebbe troppo. Allora cerchiamo di capire, vi sopporto ancora? Mi pare di no.

Squilla il cellulare.
 - Ciao Lucio, sei dei nostri stasera…pizza!-
 -  Oh ciao!...No, non posso, stasera ho veramente da fare e poi…il mal di testa non mi dà tregua.-
Passo la pizza dal freezer al forno. No, non vi sopporto più.
Devo smetterla di immaginare in anticipo, poi è stancante dover ripetere il tutto davvero.

4 commenti:

  1. Immaginare tutto in anticipo è un modo per mangiarsi il futuro. E di anticipare le proprie profezie, a quel punto necessariamente autoavverantesi. Lucio Lieto è un buon personaggio anche nell'essere, talvolta, intollerabile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e anche un po' intollerante, ora poi che si avvicina l'estate, vedrai!

      Elimina
  2. Risposte
    1. Grazie, ormai Lucio Lieto è sul filo della follia!

      Elimina