27 ottobre 2012

I Proverbi Fiamminghi di Bruegel


Mi è sempre piaciuto viaggiare tra le scene dipinte nei quadri; guardare i personaggi, cercare di capire cosa stanno dicendo o cosa stanno guardando. Sanno di far parte di una scena comune o ciascuno vive per conto proprio? Ecco, Bruegel "racconta" molto, in questo dipinto I Proverbi Fiamminghi, ha dipinto, appunto alcuni proverbi della sua terra. Sembra che Bruegel si sia ispirato agli Adagia Collectanea, una raccolta di 800 proverbi, pubblicata nel 1500 da Erasmo da Rotterdam con l’intento di raccontare il filo sottile che distingue la saggezza dalla follia. Nel dipinto troviamo, invece, rappresentata la distinzione tra il peccato, rappresentato dal rosso e l’inganno e la follia, rappresentati dall’azzurro.
I Proverbi rappresentati nell'opera sono circa 118, io ho riportato solo quelli che trovano un corrispondente con i proverbi italiani.

I Proverbi Fiamminghi, Peter Bruegel il Vecchio, 1559 olio su tavola (117 x 163 cm)
Nel particolare della parte inferiore ho evidenziato12 proverbi, traducibili con altrettanti proverbi di nostra conoscenza.


Figura allegorica n°1: Mordere la Colonna ossia Praticare la religione con ipocrisia, corrisponde al nostro "Essere un baciapile".
Figura n°2: Portare con una mano e il fuoco e con l'altra l'acqua, corrisponde "Avere una doppia faccia".
Figura n°3: "Battere la testa contro il muro".
Figura n°4-5: Uno tosa una pecora, l'altro un maiale, "Avere il coltello dalla parte del manico".
Figura n° 6:  Riempire il pozzo quando il vitello è ormai annegato, "Chiudere la stalla dopo che sono fuggiti i buoi".
Figura n° 7: Mettere un manto azzurro sul marito, ossia rendere il marito visibile, "Mettere le corna al marito".
Figura n° 8: Far girare il mondo su un pollice, "Avere il mondo ai piedi".
Figura n° 9: "Mettere un bastone tra le ruote".
Figura n° 10: Chi rovescia la pappa non può raccoglierla, "Inutile piangere sul latte versato".
Figura n° 11: Avere difficoltà a passare tra un pane e l'altro, "Essere al verde".
Figura n° 12: Cercare l'accetta, "Arrampicarsi sugli specchi".

Altri proverbi nella parte rimanente del dipinto:
Figura n°  13  Attaccare una barba finta a Cristo, “Credere di farla franca”
Figura n°  14 Cadere nel canestro, "Cadere nel sacco"
Figura n°  15 Portare fuori il giorno in un canestro, "Menare il can per l’aia"
Figura n°  16 A che serve un bel piatto se non contiene niente? "Tanto fumo poco arrosto"
Figura n°  17 "Sedere sui carboni ardenti"
Figura n°  18 Agli sciocchi vanno sempre le carte migliori, "Piove sempre sul bagnato"
Figura n°  19 "Farsi menare per il naso"
Figura n°  20 Torni nel soffitto, "Anche le mura hanno orecchie"
Figura n°  21 Due matti sotto lo stesso cappuccio, "Essere culo e camicia"
Figura n°  22 "Pesce grande mangia pesce piccolo"
Figura n°  23 "Andare controcorrente"
Figura n°  24 Cadere da un bue su un asino, "Cadere dalla padella alla brace"
Figura n°  25 Cascare in due dallo stesso buco, "Essere culo e camicia"
Figura n°  26 Gettare i soldi nell’acqua, "Buttare i soldi dalla finestra"
Figura n°  27 Gli orsi selvatici preferiscono la loro compagnia, "Chi si assomiglia si piglia".
Figura n°  28 Mettere la scopa alla finestra, "Quando il gatto non c’è i topi ballano".
Figura n°  29 Chi mangia scintille caca fuoco, "Chi semina vento raccoglie tempesta"
Figura n°  30 Tutto viene alla luce del sole, "Tutti i nodi vengono al pettine".

6 commenti:

  1. Mi piacciono queste piccole curiosità. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero? A me sembra di essere un po' un esploratore dentro il quadro :)

      Elimina
  2. Risposte
    1. Prima o poi vi propinerò un altro dipinto di Bruegel!

      Elimina
  3. Quanti meravigliosi dettagli! C'è da perdersi in questo quadro...

    RispondiElimina