1 gennaio 2012

Nella calza della Befana dei bambini anni 70

Ecco che cosa potevamo trovare nella calza della Befana noi bambini degli anni 70.
Bambole come Poldina (la prima in alto nella foto) sempre perennemente imbronciata; in un periodo dove cominciavano ad essere presenti bambole che parlavano, che camminavano, prendevano il latte e piangevano, lei non faceva assolutamente niente. C'era invece Corinne (nel riquadro 4 della foto) apparentemente allegra, lunghi capelli e fornita di phon e spazzola, i suoi vestiti si acquistavano separatamente, era un po' la risposta alla più famosa Barbie. Quest'ultima invece, la vediamo nella foto 2, approfittava della Befana per far richiedere alla bambina di turno di portarle qualche altro bene, tipo il camper della foto e continuare a godersi la sua vita spensierata.
Le click-clack (foto 3) ti sfidavano invece d una prova di coraggio, farle battere insieme fino ad aumentare la velocità e - forse - massacrarti un polso. Alla prova di coraggio invece, erano sottoposti tutti quelli - genitori per primi - che accettavano di assaggiare i dolci sfornati dal Dolce forno dalla loro graziosa figlioletta "dai babbino l'ho fatto apposta per te, assaggia!" come dire di no? e come dire che non era buono? Tutti buonissimi! La foto del riquadro 5 ci porta alle Cristal ball, letteralmente palle di cristallo, in realtà fatte di una pasta gommosa dall'odore di petrolio, si gonfiavano fino a quando non appariva un buco, era sufficiente riunire i due margini e si risarciva subito; non scoppiavano, si bucavano in modo tranquillo... già, negli anni 70 i giochi non erano molto rumorosi.

E poi in fondo alla calza della Befana si poteva anche trovare, arrotolata, una banconota; quella a sinistra è una banconota da 10.000 lire, circa 5 euro.

Per Approfondimenti: 
C'era anche l'Allegro Chirurgo


5 commenti:

  1. Beh.. banconote io non ne ho mai trovate, ma le click-clack, quelle sì (e confermo la loro pericolosità)... e anche il Crystal Ball...che bello. Ma il vero mito era il DISCOVIDEO!!!
    P.S. - mi sono sempre chiesto: ma il dolce forno non era pericoloso?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il discovideo in realtà l'ho frequentato poco. Il dolce forno era doppiamente pericoloso, primo perchè scaldava, poi perchè dovevi mangiare quei pasticciacci che avevi "cucinato"; d'altronde anche i pallini di gomma sparati dalle pistole e fucili erano pericolosi, e anche le fionde; e pensaci bene, l'odore delle Crystal Ball era quasi da intossicazione. Credimi, è un miracolo che abbiamo raggiunto l'età adulta!

      Elimina
  2. ...e, nonostante i lividi e le fratture scomposte, ci siamo divertiti tantissimo :))

    RispondiElimina
  3. Dai, ma una delle cose fighe del Crystal Ball era l'odore... Io continuavo ad annusarlo... Ehm, forse creava una certa dipendenza... Pero' era fantastico, solo che nella pubblicita' mostravano i bambini sbuffare nella canula, ma io lo facevo fare a mia mamma perche' era durissimo o forse dopo tutto lo sniffare che facevo mi ha leso i polmoni :-) :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' veroooo, odore indimenticabile! Ed è vero anche il fatto che non sempre era semplice gonfiare la ball, dopodichè dovevamo appiccicare i buchi che si formavano...erano un mondo a sè le crystal ball :)

      Elimina