Meravigliose creature. Alda Merini, Virginia Woolf ed Emily Dickinson

Alda Merini l'avrei abbracciata
Emily Dickinson l'avrei imitata

Di Alda Merini:
S'anche ti lascerò per breve tempo, solitudine mia, se mi trascina l'amore, tornerò, stanne pur certa; i sentimenti cedono, tu resti. 
Mi sveglio sempre in forma e mi deformo attraverso gli altri.
Illumino spesso gli altri ma io rimango sempre al buio.

Di Emily Dickinson:
Il cervello è più ampio del cielo.

Non è necessario essere una stanza o una casa per essere stregata, il cervello ha corridoi che vanno oltre
 gli spazi materiali.

Virginia Woolf l'avrei capita


Di Virginia Woolf:
Le persone autentiche (...) esistono con maggiore completezza in solitudine. L’illuminazione, la reduplicazione dan loro fastidio.

Non c'è cancello, nessuna serratura, nessun bullone che potete regolare sulla libertà della mia mente.

Una donna deve avere soldi e una stanza suoi propri, se vuole scrivere romanzi.

Nessun commento:

Posta un commento