14 agosto 2011

Significato di Biancaneve e i 7 nani (seconda parte)

Il numero 7, insieme al 3, è il numero sacro più diffuso nella mitologia e nelle religioni. Tra i collegamenti più frequenti quello con i sette pianeti, più precisamente quei corpi che per gli antichi non avevano una collocazione fissa nel cielo: Sole, Luna, Venere, Giove, Marte, Mercurio e Saturno. Proprio per questo suo collegamento con il cielo, il numero 7 venne eletto a simbolo di saggezza e riflessione. Nel libro della Bibbia è presente ben 424 volte
In fila indiana:
Dotto, Brontolo, Gongolo, Pisolo, Mammolo, Eolo, Cucciolo
E nelle favole ci sono gli stivali delle 7 leghe; Pollicino e i suoi fratellini sono 7; Sette sono i fratelli Weasley della saga di Harry Potter. E infine, la favola che qui ci interessa Biancaneve e i 7 nani. In questa favola, tuttavia, il numero 7 compare già all’inizio: 7 infatti sono gli anni in cui Biancaneve raggiunge l’apice della sua bellezza: “Ma Biancaneve cresceva, diventava sempre più bella e a sette anni era bella come la luce del giorno e ancor più della regina.
Una volta che la regina chiese allo specchio:  Dal muro, specchietto, favella: nel regno chi è la più bella? lo specchio rispose: Regina, la più bella qui sei tu, ma Biancaneve lo è molto di più” e da qui come ben  sappiamo cominciano le vicende di Biancaneve. Ma passiamo ai 7 nani che nella versione della Disney vennero personalizzati, dando loro dei nomi e delle caratteristiche che li distinguevano l’uno dall’altro.  I loro temperamenti furono  collegati con le influenze di alcuni pianeti:  Brontolo è associato alla ritrosia e alla prudenza di Saturno; Mammolo  la pudicizia  di Venere; Eolo ricorda  la forza irruenta di Marte; Dotto è legato alla giovialità di Giove; Pisolo rappresenta il mondo onirico della Luna; Gongolo la vanità del Sole; Cucciolo la duttilità di Mercurio. Fortemente legati alla natura, i nani vivono nel sottosuolo, sono abili minatori, trasformano i metalli, attraverso la lavorazione, in oro e diamanti e forgiato oggetti preziosi (nelle saghe nordiche le più potenti e magiche spade degli eroi sono spesso state fabbricate dai Nani). Se Biancaneve vive sopra la terra, dove si addormenta e al suo risveglio tutta la natura si risveglia come al ritorno della primavera, così i nani agiscono nel sottosuolo, dove c’è la vita dei germogli, degli insetti, le falde acquifere, la vita sommersa che esploderà in superficie con l’arrivo della primavera (Biancaneve). Quando Biancaneve sembra ormai morta, ne conserveranno le spoglie nel cristallo, perché la terra non può accogliere il candore lunare  del suo volto e il rosso vivo – solare - delle guance (Poi volevano sotterrarla; ma in viso, con le sue belle guance rosse, ella era ancora fresca, come se fosse viva. Dissero: - Non possiamo seppellirla dentro la terra nera…); la adagiarono dentro la bara di cristallo simile al ghiaccio invernale che ricopre e custodisce la terra, solo apparentemente morta, e in realtà potenzialmente fertile e rigogliosa. Il bacio del principe, unione dei due opposti (femminile e maschile, yin e lo yang, negativo e positivo), risvegliano la natura.
Significato di Biancaneve e i 7 nani (prima parte)
La storia illustrata di Biancaneve e i 7 nani su Fiabe in analisi

2 commenti:

  1. C'è da dire che nella fiaba originale, Biancaneve non si sveglia grazie al bacio del principe (che è un'invenzione disneyana), ma perché nel trasporto, il carro dove era distesa Biancaneve passò sopra un sasso e per questo il pezzetto di mela avvelenato uscì dalla sua bocca e solo così lei si risvegliò.
    Mi piacciono questi tuoi post dove racconti delle fiabe. Anch'io ho dedicato dei post alle fiabe. Hai mai poi letto Il mondo incantato di Bruno Bottelheim?

    RispondiElimina
  2. Sì ho cominciato a leggerlo, poi passerò a Donne che corrono con i lupi, come mi hai consigliato, è lì che mi aspetta. Grazie, ricordavo vagamente della versione originale di Biancaneve, approfondirò l'argomento e chissà che non ci faccia un altro post!

    RispondiElimina