7 giugno 2011

Davanti allo specchio (prima parte)

Sarò forse presuntuoso ma il mio specchio mi calunnia. (Gesualdo Bufalino)
Gli specchi farebbero bene a riflettere prima di rimandarci la nostra immagine. (Jean Cocteau)

1. Riproduzione Vietata di Magritte    
2. La Strega di Biancaneve      
3.La Maddalena Penitente di Georges de La Tour
In queste immagini lo specchio è il mezzo per conoscere il proprio volto e la propria identità.
Nella foto n. 1 Magritte di fronte ad uno specchio che non riflette il volto ma la nuca; il volto non si può riprodurre, ma il libro che si trova davanti allo specchio invece sì, l'oggetto inanimato viene riflesso in modo esatto. La strega Grimilde della favola di Biancaneve cerca nello specchio la sua parte cattiva. Nell'immagine n. 3 la Maddalena chiusa in una stanza quasi buia, sulle ginocchia un teschio, guarda nello specchio a cercare un’anima, sullo specchio si riflette la fiamma della candela, la sua anima?

1. Venere allo Specchio di Velasquez 2.L'ultima occhiata di

Zandomeneghi 3.La Coiffure di Picasso 4.Donna allo Specchio di Bellini

In queste immagini lo specchio è invece simbolo di vanità. La verifica della propria bellezza, la ricerca della corrispondenza tra un ideale e quello che lo specchio riflette. Dopo i secoli del Medioevo in cui il corpo era stato nascosto e associato spesso a simbolo del male terreno, finalmente il corpo si rivela e lo specchio è lì pronto a rifletterlo e a duplicarlo.
1.Las Meninas di Velasquez        
 2.I Coniugi Arnolfini di Jan Van Eyck        
3.Stanza con balcone di Adolf Menzel
Qui lo specchio non dà conferme, ma muto, riflette gli oggetti delle stanze come fosse una spia o una macchina fotografica. Un oggetto, senza anima, passivo, che cattura ciò che agisce davanti a lui. Il pittore esegue un doppio lavoro: la sua visione e la visione dello specchio.
Altro post: Davanti allo specchio (seconda parte). Biancaneve, La Regina delle nevi, Alice attraverso lo specchio, La Bella e la Bestia

Nessun commento:

Posta un commento